CAELUM

multimedia installation 2018
Cyfest / Reggia di Caserta

Squarcia il soffitto in un angolo della sala affrescata e diventa il nostro cielo in terra. Un cielo schizofrenico, dove immagini rassicuranti si alternano randomicamente a immagini di catastrofi naturali.
Le parole “cambiamento climatico” esprimono erroneamente una mancanza di responsabilità degli esseri umani rispetto ai fenomeni che stanno distruggendo il nostro pianeta.
Digitando sui motori di ricerca “climate change” e “weather” le prospettive cambiano completamente, anche se il primo concetto è strettamente legato al secondo e viceversa.
Le immagini risultanti dalle ricerche, sono state raccolte in un database a cui la videoinstallazione attinge.
Questo programma di schizofrenia controllata, esprime tutta la dicotomia di un mondo che continua a sfruttare la Terra pur sapendo/ nella consapevolezza che le risorse stanno per esaurirsi. Due schermi in posizione insolita, ci costringono ad alzare gli occhi, a guardare un cielo artificiale e a dimenticare che fuori, oltre lo schermo, c’è un cielo reale, molto più limpido e facile da leggere delle sue previsioni digitali.

Isabella Indolfi