URGE OGGI

Installazione multimediale intelligente e noiosa
Daniele Spanò
2 monitor 27", 1 mini pc, 1 arduino, 2 speaker, 2 display led, 2 led light,

winner art price RE:HUMANISM

curated by Daniela Cotimbo


Urge Oggi Installazione multimediale; 2019, Albumarte, Roma. Ph. Giorgio Benni, courtesy by Alan Advantage

Due monitor formato 16/9 sono posizionati uno di fianco all’altro. Un hardware composto da un micro pc, un controller audio ed un controller luci e? collegato ai monitor ed e? appoggiato su un piano bianco di 40 cm x 40 cm posizionato sotto sotto di essi.
Il software scritto lancia randomaticamente sui due device uno dei tre video caricati preceden- temente in memoria.
I tre video riportano i gesti di una mano che compie l’azione del gioco della morra cinese. Video 01 “Sasso” – pugno chiuso, video 02 “Carta” – mano aperta, video 03 Forbice – mano chiusa con l’esclusione dell’indice e del medio.
Il computer gioca quindi con se stesso un’infinita partita di morra cinese, un contatore digitale aggiorna il punteggio, mentre un led RGB segnala quale dei due monitor ha vinto la singola mano; verde/vittoria, rosso/perdita, arancione/pareggio.
Due speaker riproducono un suono che sottolinea il vincitore della mano.
Le regole sono semplici: carta vince su sasso, sasso vince su forbici, forbici vince su carta.
La morra cinese e? uno dei giochi di mano piu? popolari al mondo, e? un gioco aleatorio: a ogni turno si azzerano le probabilita? di avere successo rispetto all’avversario.
Un gioco aleatorio condotto da una o piu? intelligenze artificiali e? semplicemente noioso.
Un gioco aleatorio condotto tra due essere umani, puo? essere divertente, competitivo, violento ed instaurare nei concorrenti sentimenti di rivalita? attraverso l’utilizzo di strategie derivanti dall’a- nalisi psicologica dell’avversario. Nella natura del gioco c’e? proprio questo, l’interpretazione del gioco altrui.

Urge oggi e? una riflessione sul rapporto tra arte e gioco, arte e tecnologia, A.I. e gioco.
Una macchina e? capace di giocare? E l’essere umano? Un A.I. sa divertirsi? puo? interpretare? In un gioco aleatorio la percezione di vittoria (es, uno dei concorrenti vince tre mani consecu- tive) rimane comunque tale, non dovrebbe quindi influenzare le aspettative del giocatore ma, tra due esseri umani, questo non avviene e si instaurando cosi dinamiche strategiche. Queste conseguenze generano la dinamica del gioco.
Un A.I. si limita a generare possibilita? randomatiche, annullando il fattore ludico.
E questo quello che Urge oggi?